Omnisend vs Mailchimp: Qual è La Migliore Piattaforma Per L’Email Marketing?

27 Apr

Quale piattaforma email marketing preferire per il proprio business?


Studio Cappello è partner Mailchimp e Omnisend, due delle piattaforme di email marketing piu affermate nel mercato.

Scopriamo le differenze tra due tra le piattaforme più performanti per l’email marketing.

Mailchimp domina il mondo dell’email marketing. Con una quota di mercato del 70%, è conosciuto e utilizzato da aziende di ogni tipo e dimensione. Quindi è logico che se sei alla ricerca di una piattaforma di email marketing, Mailchimp è la scelta più rapida e intuitiva.

Oggi però vale la pena porsi delle domande:

  1. Mailchimp ha avuto per tanto tempo una posizione dominate, questo fatto non lo ha portato a essere pigro nell’innovarsi? 
  2. In un mercato sempre più competitivo, è il momento di cercare un’alternativa per un’attività più avanzata di email marketing? 
  3. Omnisend può essere una valida o migliore alternativa?

Andiamo a scoprirlo focalizzandoci sui vari key point delle due piattaforme con una sfida a round.

Premessa: per chi è stata sviluppata la piattaforma?

Mailchimp: è una piattaforma di email marketing generica, progettata per essere utilizzata da chiunque.

Può fare la maggior parte delle cose che ti puoi aspettare riguardo l’email marketing ma non dispone di strumenti specifici per aiutare gli utenti con bisogni più specifici. Destinato principalmente alle piccole imprese, Mailchimp potrebbe non scalare a pari passo con la crescita della tua azienda, quindi nel futuro saresti obbligato a migrare verso altre soluzioni.

Omnisend: è stato pensato per soddisfare la maggior parte delle necessità in ambito e-commerce.

Oltre alle consuete funzionalità richieste da uno strumento di email marketing, Omnisend ha strumenti progettati specificamente per costruire un pubblico e aumentare le vendite, come il selezionatore di prodotti che consente di estrarre i prodotti dal tuo negozio (invece di inserire manualmente immagini e URL) e codici sconto nativi.  

Omnisend, inoltre, fornisce report avanzati e in tempo reale per aiutare gli utenti a comprendere il proprio pubblico.

Round 1. Cosa c’è dentro Mailchimp e Omnisend

Sia Mailchimp che Omnisend includono template di email e un editor drag-and-drop. Ma ci sono due grandi differenze: 

  1. I template predefiniti di Mailchimp sono modelli base e hanno opzioni limitate che spesso, se si vuole creare qualcosa di più avanzato, obbligano a procedere tramite codice personalizzato HTML.

Una selezione di modelli predefiniti di Mailchimp

  1. Mailchimp offre la maggior parte dei suoi modelli ai piani a pagamento, lasciando gli utenti del piano gratuito con un numero molto ridotto.

Omnisend fornisce template realizzati professionalmente per tutti gli utenti, anche con il piano gratuito. Inoltre, l’integrazione nativa di Omnisend consente di sincronizzare i prodotti direttamente dal tuo negozio online, arricchendo così non solo l’offerta visiva ma anche quella commerciale, avendo la possibilità di inserire prodotti e codici sconto personalizzati.

Una selezione di template offerti da Omnisend

Sicuramente entrambe le piattaforme permettono di creare template personalizzati, ma solo Omnisend consente il salvataggio di singole sezioni da poter riutilizzare per comunicazioni future.

Mailchimp vs Omnisend: Omnisend

Round 2. Creazione di elenchi e acquisizione di e-mail: quale strumento permette di aumentare più agilmente il proprio database?

Entrambi Omnisend e Mailchimp offrono la possibilità di creare landing page e form di registrazione per poter accrescere il proprio database.

I form di registrazione possono essere utilizzati in diversi modi, tra cui:

  • Incorporato in pagine specifiche del sito (con possibilità di personalizzazione in base al contenuto visualizzato).
  • All’interno di pop-up che compaiono dopo un determinato periodo di tempo o quando il visitatore è in procinto di uscire dalla pagina.
  • Piccole caselle di iscrizione aggiunte all’header, al footer o all’intero di contenuti come post del blog.
Omnisend's sign-up box in a site footer

Le landing page in entrambi gli strumenti sono facilmente personalizzabili grazie all’editor drag-and-drop.

Omnisend si distingue per la possibilità di inserire contenuti volti ad attività di Gamification, che diventano un modo per catturare l’attenzione dei tuoi visitatori e di raggiungere più facilmente l’obiettivo. Dati alla mano, contenuti dinamici o che richiedono il compimento di un’azione specifica da parte dell’utente finale, convertono molto di più di quelli standard.

spin the wheel gamification form

Esempio di Form contenente logiche di Gamification offerto da Omnisend

Omnisend vs Mailchimp: Omnisend

Round 3. Segmentazione: quale strumento offre il targeting migliore?

Man mano che la tua lista utenti sottoscritti alle comunicazioni promozionali cresce (Opt-in), diventerà sempre più essenziale essere in grado di dividere gli utenti in cluster differenti in base ai loro interessi.

Ciò è conosciuto come segmentazione e consente di inviare informazioni rilevanti e in particolare personalizzate per il tuo pubblico. Inoltre, conoscendo dettagliatamente gli interessi degli utenti sarà possibile evitare l’invio di comunicazioni che non suscitano alcuna reazione in loro.

Possibilità di segmentazione offerta da Omnisend

Entrambe le piattaforme offrono delle possibilità di segmentare, per esempio attraverso:

  • Dati del profilo: lingua, luogo, età, reddito, sesso, istruzione, occupazione ecc.
  • Attività campagna: se la persona ha aperto le tue email, cliccato determinati link o mostrato interesse verso particolari iniziative
  • Acquisti: prodotti che hanno visualizzato, prodotti acquistati o abbandonati dal carrello 

Omnisend e Mailchimp possono anche essere sincronizzati con i tuoi account pubblicitari di Google e Facebook, per intraprendere azioni di retargeting verso coloro che hanno interagito con il tuo e-commerce.

Dobbiamo però precisare che Mailchimp offre tutte queste possibilità di segmentazione unicamente dopo complesse integrazioni tra l’e-commerce e lo strumento, mentre con Omnisend ciò risulta immediato e molto più agile.

Omnisend vs Mailchimp: è un pareggio

Round 4. Integrazioni: quale strumento dispone di maggiori connettori?

Essendo la piattaforma di email marketing con la quota di mercato più ampia, non è una sorpresa che Mailchimp offra più integrazioni dedicate, anche se per esperienza alcune non sempre così immediate.

Mailchimp afferma di integrarsi con più di 200 app e servizi Web, quindi indipendentemente dallo strumento che stai usando, ci sono buone probabilità chi si integri con Mailchimp.

Omnisend si integra con oltre 60 fidati partner tecnologici e dispone di un mercato di app dedicato spesso sufficiente per molti e-commerce.

Mailchimp vs Omnisend: Mailchimp

Round 5: Automazione: quale strumento ti farà risparmiare più tempo?

Le regole di automazione ti consentono di scalare ulteriormente la redditività per la tua attività. Invece di dover inviare manualmente ogni messaggio, puoi automatizzarli sulla base di eventi scatenanti e in relazione a condizioni da rispettare.

In particolare, puoi creare una serie di workflow avanzati che inviano messaggi specifici quando viene intrapresa un’azione (o non eseguita, come lasciare l’e-commerce senza completare un acquisto). Questo, a fronte di un lavoro iniziale che ti permette di inserire il pilota automatico sulle azioni di maggior importanza per il tuo e-commerce nel medio-lungo periodo.

Mailchimp è limitato ad azioni basilari.

L’interfaccia di Mailchimp rende difficile capire tutto ciò che sta accadendo a colpo d’occhio. È possibile infatti visualizzare unicamente le email pronte per essere inviate (senza alcuna descrizione) e i loro rispettivi trigger d’attivazione all’interno della Journey:

Omnisend offre un’automazione più avanzata.

L’interfaccia visiva mostra una ripartizione più chiara:

Puoi vedere se viene inviato un SMS o un’e-mail, quanti destinatari ci sono in ogni fase del workflow e dove sono i blocchi, se presenti.

Essendo Omnisend una piattaforma omnicanale, le possibilità di automazione consentono di includere canali aggiuntivi oltre all’e-mail, come Facebook Messenger, SMS e notifiche push. Omnisend suggerisce anche quale canale utilizzare in ciascuna sequenza di automazione, sulla base di consigli offerti dall’Intelligenza Artificiale.

Con questa funzionalità, puoi creare un workflow avanzato utilizzando i canali con cui il tuo pubblico interagisce di più, senza la necessità di suddividere tutto in sequenze diverse.

Puoi anche utilizzare le suddivisioni condizionali per personalizzare il tuo workflow in base ai dati demografici, al coinvolgimento e al comportamento di acquisto dei tuoi clienti.

Conditional splits at Omnisend

Omnisend offre fino a 10 suddivisioni condizionali per workflow, il che non solo semplifica il processo ma ti consente anche di indirizzare i tuoi messaggi in modo ipertestuale.

Per creare qualcosa di simile in Mailchimp, dovresti creare una concatenazione di diversi workflow nei quali bisognerà inserire dei trigger di richiamo ai workflow precedenti.

Le funzionalità di automazione di Omnisend includono eventi personalizzati, ottimizzazione del tempo di invio, e-mail transazionali post-acquisto, workflow, suddivisioni e test A/B, anche con il piano gratuito.

Omnisend vs Mailchimp: Omnisend

Round 6. Canali: chi ne ha di più?

Sebbene siano piattaforme di email marketing, Mailchimp e Omnisend offrono entrambi canali aggiuntivi d’acquisizione in ​​modo da poter raggiungere le persone in altri modi sia on-site sia off-site.

A parte le attività di e-mail marketing, gli utenti di entrambe le piattaforme possono sincronizzare il proprio database con i propri account pubblicitari di Facebook e Google.

Questo è un modo efficace per mantenere bassi i costi degli annunci aumentando le vendite: invece di pubblicare annunci per un pubblico freddo e cercare di generare interesse, la sincronizzazione ti consente di pubblicare annunci di retargeting, che mostrano prodotti pertinenti alle persone che sono già state sul tuo sito. Puoi mostrare loro i prodotti che hanno già visualizzato, che hanno dimenticato nel carrello o articoli simili a quelli che hanno visualizzato con logiche di up-selling.

Tuttavia, vale la pena segnalare che mentre Mailchimp consente di eseguire annunci su Facebook e Instagram da qualsiasi piano, il retargeting è limitato ai piani a pagamento, Standard e Premium.

Omnisend offre annunci di retargeting su tutti i suoi piani, incluso il piano gratuito. E, a differenza di Mailchimp, Omnisend consente nativamente agli utenti di inviare SMS e notifiche push come parte delle loro campagne.

Mailchimp vs Omnisend: Omnisend

Round 7. Assistenza clienti

La differenza principale è che Omnisend fornisce supporto e-mail continuo per gli utenti di tutti i piani, compresi quelli del piano gratuito senza alcun limite di tempo. Mailchimp no.

C’è da dire anche che Mailchimp ha una rete di consulenti e partner esperti nel suo utilizzo molto piu diffusa e consolidata.

Omnisend vs Mailchimp: pareggio

Round 8. Prezzi: rapporto qualità-prezzo

In precedenza non c’era molta differenza di prezzo tra i due, ma Mailchimp ha aumentato i suoi prezzi all’inizio del 2022, anche per gli utenti con contratti già in essere.

Mailchimp ora considera i contatti non iscritti come contatti attivi, il che significa che se hai un elenco con 1.000 utenti iscritti e 500 persone che hanno precedentemente annullato l’iscrizione, Mailchimp ti addebiterebbe come se avessi 1.500 utenti nella tua lista. Considerando che i prezzi di Mailchimp si basano sul numero di contatti che hai, questo influenza in maniera significativa il costo mensile di sottoscrizione alla piattaforma.

Ciò che pagherai dipende da quanto è grande il tuo pubblico. Mailchimp offre un calcolatore dei prezzi per farti sapere esattamente quanto ti costerebbe e quali funzionalità avresti all’interno del piano selezionato. 

Consigliamo di prestare attenzione anche alle caratteristiche di ciascun livello perché, sebbene il piano Essentials sblocchi importanti funzionalità come template e test A/B, ti limita comunque a soli tre segmenti di pubblico e workflow limitati.

Se il tuo business online è ancora nelle sue fasi iniziali, il piano gratuito di Mailchimp potrebbe fare al caso tuo perché è più vantaggioso economicamente di alcuni dei suoi competitor, ma tieni presente che:

  • Nessun test A/B
  • Nessun contenuto dinamico
  • Nessuna ottimizzazione del tempo di invio
  • Possibilità di avere un segmento di pubblico
  • Possibilità di attivare un workflow
  • Accesso limitato ai template e-mail e Landing page
  • Dopo 30 giorni, l’assistenza clienti è limitata a guide e tutorial

Omnisend ha tre piani: Gratuito, Standard e Pro. Come in Mailchimp, c’è un calcolatore dei prezzi per aiutarti a capire i costi esatti e il prezzo mensile.

Il pricing per entrambe le piattaforme è simile e, a seconda di quanti contatti hai, viene applicata una fee mensile e/o annuale.

La considerazione principale da fare è che già con il piano gratuito offerto da Omnisend hai a disposizione tutte le funzionalità offerte dai piani essential e pro di Mailchimp.

Mailchimp vs Omnisend: Omnisend, per un piano gratuito più generoso e senza addebiti per i contatti non iscritti

Conclusioni

Questo confronto, che ha preso spunto dal post di Richard Bianco, mostra che le due piattaforme sono diverse anche se vanno a soddisfare la medesima necessità. In estrema sintesi, rispetto alla nostra esperienza:

  • Mailchimp è la soluzione più smart per i business che desiderano solo funzionalità basilari e senza troppe pretese,
  • Omnisend è progettata meglio per aiutare i negozi e-commerce a crescere nelle performance.

I nostri consulenti aiutano a scegliere e implementare soluzioni di Email Marketing e Marketing Automation su misura di ogni business.

marketing automation

Siamo agenzia partner di: HubSpotOmnisendMailchimpSelligent, Salesforce, MappSalesManago


Studio Cappello: Email Marketing


Condividi: