SEO Ecommerce: Ottieni I Migliori Risultati

20 Mar

Seo_startup_ecommerce

  • La SEO è ancora una soluzione utile ad un’azienda ecommerce in Startup?
  • E’ ancora consigliato investire soldi e tempo nella SEO?
  • … ma la SEO è ancora viva?

Queste sono solo alcune delle domande di molti clienti alle quali ogni giorno in Studio Cappello divisione ecommerce diamo risposta con la consulenza SEO, cercando di comunicare i veri valori di che cos’è e cosa può dare la SEO.

Ma cos’è la SEO?

Banalizzando e riducendo: è quell’insieme di strategie per migliorare la visibilità di un sito sui motori di ricerca.

In realtà la SEO è quell’insieme di strategie e tecniche che trasformano il sito in una macchina da guerra commerciale facendo fruire al meglio le informazioni agli utenti tramite i motori di ricerca. Nasce coordinando l’architettura dell’informazione del sito, viene implementata in ogni singola pagina/contenuto/prodotto, si preoccupa delle performance tecniche del server o della piattaforma ecommerce, si migliora con strumenti di analytics, lavora a braccetto col team di web marketing.

SEO e tempi

La SEO, intesa come risultati concreti, è un processo lento. E’ un po’ come il running: non è previsto partire e correre forte per tanti kilometri, roba al più da supereroi, ma vincere grazie al passo costante e sostenuto.

E’ un processo lungo che si ripaga nel tempo.

Ma il lavoro inizia ancora prima che il sito venga pubblicato! Perchè nel pubblicare siti ecommerce gia SEO oriented, oltre ad avere un beneficio di costi importanti rispetto ad azioni successive, spesso si evitano soluzioni di software ecommerce non adeguati o addirittura progettazioni che non permettono soluzioni SEO Friendly che piacciono a noi (quelle cioè che fanno fare cassa concreta allo shop).

Progettare un sito pensando alla “SEO” significa in primis progettare struttura di navigazione e architettura dell’informazione che presenti  i contenuti nel modo migliore sia per utenti/clienti che per i motori di ricerca (che oggi significa Google).

Inoltre, il concetto quantitativo di portare “traffico” che spesso sta alla base della SEO per principianti c’entra fino ad un certo punto. La SEO oggi ha l’obbiettivo di portare traffico di qualità, di utenti cioè ad alta propensione di acquisto, per questo lavora a braccetto col Conversion Marketing! Pochi ma buoni è meglio che tanti ma inutili…

Cosa fa la SEO pre-pubblicazione del sito ecommerce

Come in ogni progetto di comunicazione e marketing è necessario fare una sorta di business plan SEO, ovvero valutare se il progetto ha senso e ha capacità di sopravvivere. Dal punto di vista SEO vi è quindi la necessità di valutare:

  • quantità di traffico proveniente dalle ricerche sui motori per il business in analisi segmentato per cluster in relazione al target e ai prodotti
  • tipologia delle ricerche che gli utenti fanno
  • profiling dell’utente medio
  • analisi della concorrenza
  • associazione esigenze / parole chiave / pagine di risposta
  • fonte e qualità dei contenuti da rpomuovere
  • identificazione Oceani Blu, ovvero esigenze dell’utenza ancora prive di risposte nel search

In base al risultato di quest’analisi si va a definire  l’obiettivo SEO del sito, delle pagine principali e via via delle pagine raggiungibili dalla navigazione, nei livelli più profondi.

SEO_obiettivo_struttura_sito

Una sorta di piramide, in cui la cuspide è la homepage che deve rispondere alla keyword principale, mentre le pagine sottostanti vengono suddivise in livelli di priorità, ognuna con un preciso obiettivo, per rispondere a un intento di ricerca e risposta, non in conflitto con altre pagine.

Devo fare in modo che su determinate parole chiave si posizionano determinate pagine con contenuti informativi adeguati alle esigenze degli utenti , e non altre pagine del sito che magari possono fuorviare l’utente e portarlo ad un’abbandono prematuro!

Startup: le cose da fare

La prima cosa da fare è di spiegare a Google che c’è un nuovo sito online, prima ancora però bisogna assicurarsi di pubblicare SOLO quando il sito ecommerce è SEO corretto (ma questo è un altro capitolo della SEO!).

Per spiegare a Google che c’è un sito nuovo le azioni da fare sono:

  • Creare un profilo su Google Webmaster Tools (GWT)
  • Caricare una o più Sitemap all’interno GWT
  • Segnalare a Google un nuovo sito sempre via GWT cosi:
  1. Clicca Visualizza come Google
  2. “Invia all’indice” pagina e tutte le pagine linkate

Seo_startup_ecommerce

 

Google è ossessionato dai nuovi contenuti e da nuove pagine: i tempi in cui Google indicizzerà ogni pagina indicizzabile di un nuovo sito saranno molto brevi, forse meno di un giorno.

Ma indicizzare le pagine non significa trovarle poi in prima pagina! Concetto diverso è infatti quello di posizionamento: fare in modo che una pagina compaia in posizione piu rilevante nei risultati di ricerca su determiniate parole chiave.

Le pagine devono meritarsi le posizioni più desiderate e per farlo i concetti fondamentali che devono avere sono due:

  1. contenuti inediti e che rispondono ad esigenze per le quali nessuno stava già rispondendo
  2. “forza” di pagina (concetto oggi ancora saldamente legato al page rank e ai backlink)

Questo il grafico di un sito lanciato da pochissimi giorni: come vedete Google ha indicizzato quasi 400 pagine nel giro di qualche ora.

seo_startup_ecommerce_posizionamento

Questo il grafico del Googlebot al lavoro, con un picco di quasi 800 pagine scansionate in un solo giorno:

seo_startup_ecommerce_googlebot

Google ha fame di pagine nuove, soprattutto il suo componente di indicizzazione, ma poi passerà la palla agli altri componenti di Google che ne valuteranno la qualità del contenuto. Qui i tempo cominciano ad essere più lunghi perchè entrano in gioco fattori on site e off site (MOZ li spiega bene nella sua guida SEO).

I tempi per un buon posizionamento possono essere lunghi. Cosa fare nel frattempo? Investire in altri strumenti che offrono visibilità. Quella piu interessante è quella legata al search (Adwords, Facebook ADS,..)

Post Start Up SEO: migliorare i ranking nelle ricerche di Google

Quali sono le azioni che aiutano le pagine e il sito web a rafforzare il proprio trust, cioè il proprio peso nei ranking di Google?

  • Link Building, e anche qui vi vorrebbe un capitolo perchè tra farlo bene e farlo male ci va di mezzo il ban da Google, ma per capirci un po di piu il Taglia può aiutare
  • PR Online. dove trovano spazio concetti quali il Content Marketing, ufficio stampa, Social Strategy, etc…

Consigli finali SEO Ecommerce

  1. Qualsiasi azione SEO di un ecommerce che ambisca all’eccellenza deve essere fatta all’interno di una strategia di medio-lungo periodo, con ben chiari gli obiettivi e in costante monitoraggio degli indici di performance.
  2. Pensando solo al traffico “quantitativo” spesso si generano solo costi dal ROI deludente!
  3. La Web Analytics, anche se Google con https non è piu tracciabile nel dettaglio, è sempre la guida (da febbraio un po meglio).

.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti del blog
e far crescere le tue competenze nel mondo
del Web Marketing?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Scopri i servizi per Ecommere Studio Cappello

.

email