Velocità della Pagina è Fattore di Rank

18 Gen

page-speed-ranking

Quanto sono veloci le pagine del tuo sito?

La velocità delle pagine di un sito web è un importante fattore di qualità. Qualità che si traduce in tasso di abbandono del sito (bounce rate) e tasso di conversione agli obiettivi del sito (acquisto, iscrizione newsletter, richiesta preventivo, …).

Leggi tutto...

Nuovo Algoritmo Facebook 2018: Cosa Cambia Per Aziende E Per Agenzie Social?

15 Gen

Mark-Zuckerberg1

Utenti al centro e l’Advertising a trascinamento. Facebook cambia. In meglio? Scopriamolo…

Zuckerberg ha esplicato l’obbiettivo del nuovo EdgeRank, l’algoritmo del feed di Facebook: far investire meno tempo sulla piattaforma agli utenti ma con maggior soddisfazione. Per molti un ritorno alle origini.

Leggi tutto...

AdWords: Il Tuo Tasso Di Conversione È Buono?

8 Gen

CR-tasso-di-conversione-medio-adwords-industry-benchmarks-average-conversion-rate

Il tuo Conversion Rate Adwords è buono, buono …ma non buonissimo?

Search Engine Watch ha condotto una ricerca su oltre 2.000 account AdWords in vari settori, con investimenti stimati in +34 milioni di dollari. Lo scopo di questa analisi era quello di capire i tassi medi di conversione per gli annunci Google AdWords Rete di Ricerca e Display. Seppur datata 2016 la vediamo utile e attuale anche sui valori.

Leggi tutto...

Mobile-First Index: Cos’è? Come impatta sulla SEO?

2 Gen

mobile-first-index

Google cambia prospettiva sull’indicizzazione: il mobile è il dispositivo predefinito

È passato più di un anno da quando ho scritto questo articolo e sul Mobile First Index se ne sono scritte e lette di ogni tipo.

Leggi tutto...

Ecommerce Strategies 2018, 08/03 Fiera Di Padova

21 Dic

ecst2018

Ecommerce Strategies 2018
si svolgerà all’interno di:

gle

il grande evento gratuito sulla Logistica Sostenibile.

Leggi tutto...

Aspettando Il 2018: Appunti Di Digital Marketing

19 Dic

multitasking in hands

Prendi nota per il 2018

Mobile è il device! Al centro di tutto: del comportamento d’acquisto, delle relazioni, dei servizi, della ricerca di informazioni, nella SEO… Non puoi pensare al digital se non orientando tutto intorno al mobile, oramai naturale estensione degli arti superiori. E pensare al mobile non significa solo fare siti mobile friendly (che d’ora in poi, con il mobile al centro, dovranno essere “anche” desktop friendly), sviluppare app aziendali per lo più inutili ma perché “fa figo”, oppure dimensionare l’ADV per gli schermi piccoli. Significa comprendere fino in fondo come quando e perché le persone usano tale device nella loro vita, e come va a impattare nei loro pensieri. So chi sei e so cosa farti fare! La conoscenza e profilazione degli utenti è il paradigma in cui si stanno giocando partite epocali. Sapere chi ho davanti e mirare la comunicazione è il leitmotiv su cui la tecnologia sta facendo un “all in” pauroso (e su cui qualcuno rubacchia soldi in nome dell’etica, ogni riferimento a Qwant è puramente casuale). “Un numero medio di circa 170 like è sufficiente per predire il colore della pelle (95%), l’orientamento sessuale (88% di precisione per gli uomini e il 75% per le donne) e l’affiliazione al partito Democratico o Repubblicano (85%)”. Kosinski & Facebook trasformo un Like in capacità predittiva di capire chi sei e cosa fai. È l’era dei Big Data così come non l’abbiamo mai immaginata. Oltre il remarketing, oltre la Web Analytics (quella seria). E dove i primi a ringraziare sono gli strumenti e le metodologie pragmatiche della marketing automation (qui l’ebook realizzato con MailUp). Il Social è Pay e va misurato. Sempre più i post dell pagine di Facebook & C. sono visti e propagati solo da chi li pubblica e i loro amici. Per il resto, c’è da pagare

Leggi tutto...

Content Marketing Personalizzato Sull’Utente: Come Realizzarlo?

11 Dic

three-effective-approaches

Content Marketing Is King!

C’era un volta l’advertising che funzionava, in sintesi, così:

  • Prodotto/servizio da promuovere
  • Landing page/sito di atterraggio
  • Campagne di promozione
  • Raccolta lead

Chi aveva più budget da dare a Google, Facebook &Co. più aveva possibilità di schiacciare i concorrenti.

Leggi tutto...