Archive | ADS & ADV RSS feed for this section

Google Attribution

12 Dic

Google ha reso disponibile Google Attribution anche per la versione gratuita di analytics.

Il tool Google Attribution fu presentato nel 2007 come risposta alla domanda: “La mia strategia di marketing funziona?”, e consente di misurare l’impatto di una campagna di marketing su più dispositivi e canali. Questioni di Marketing Attribution[...] 

Leggi tutto

Black Friday & Natale: il tuo Ecommerce È Pronto?

9 Nov

Come sfruttare al meglio l’holiday season

I dati parlano chiaro: prima di fare un acquisto oltre la metà degli italiani (51%) utilizza i canali online per ricercare il prodotto, verificarlo, compararlo, leggere le recensioni, approfondirne i plus.

Il 50% del tempo dedicato allo shopping in internet viene impiegato in queste attività. Questa cifra sale poi al 54% durante le promozioni stagionali laddove, ricordiamo, il device mobile gioca un ruolo fondamentale.

Stiamo parlando del customer journey, ovvero del viaggio che l’utente percorre dalla ricerca di soddisfare un bisogno fino =&0=& in un determinato store (on/offline) di uno specifico prodotto/servizio in grado di appagarlo.

In particolare durante il periodo del Black Friday e delle feste di Natale, quando la concorrenza è alta e le possibilità di acquisto aumentano, è importante studiare una campagna di promozione capace di differenziarsi e che tenga conto di determinate variabili

Proprio in quanto viaggio, il processo di acquisto non è un percorso lineare.

Si snoda in diversi momenti e coinvolge diversi canali e dispositivi, ognuno dei quali rappresenta un’opportunità: un touchpoint dove entrare in contatto con i nostri possibili acquirenti magari in diversi momenti del processo di acquisto.

Black Friday non ti amo più

Secondo i dati dell’Holiday Outlook 2019 di PwC, che ha analizzato le abitudini d’acquisto di oltre 2mila consumatori americani, il Black Friday, non esercita più lo stesso fascino.

Lo shopping natalizio inizia già a settembre e prosegue ben oltre il Natale.

In tal senso il Black Friday è un evento non fine a se stesso, ma inserito in un calendario commerciale ben più ampio.

Idem per il Black Monday, dove si rende necessario applicare scontistiche ad hoc che si distinguano dalle altre promo per politiche di pricing: pensa al tuo prodotto e pianifica per tempo le offerte da applicare, per poi promuoverle adeguatamente tramite campagne Google Ads

A cosa deve stare attento un venditore in questi eventi?  In primis a non cannibalizzare le sue vendite scontando prodotti che i suoi clienti comprerebbero comunque.

Il 59% della popolazione statunitense nel 2015 effettuava acquisti il giorno del Black Friday, nel 2019 si prevede scenderanno al 36%.

Inoltre, il 50% dei consumatori dice di voler posticipare il proprio shopping festivo nel periodo successivo il Black Friday.

Causa principe di questo disinnamoramento è l’avvento dell’omnicanalità, che ha radicalmente trasformato l’abitudine e l’esperienza d’acquisto dei clienti nei giorni dell’holiday season (e non solo).

Oltre ciò il solito Amazon che ha egemonizzato le vendite dell’holiday season col suo Prime Day.

Molti retailer, inoltre, anticipano le offerte del Black Friday, trasformando l’intero mese di novembre in spese scontate.

“Quando arriva il Black Friday – ha precisato PwC – molti acquirenti hanno già potuto approfittare dei ribassi”

Come fare?

Per massimizzare ROI e ROAS delle campagne ADV consigliamo quanto segue:

Data Analysis [...] 

Leggi tutto

Ecommerce: Consigli per Vendere all’Estero (Non Basta Tradurre)

4 Ott

internazionalizzazione-delle-imprese-696x446

Per conquistare un mercato estero non bastano le traduzioni!

Al Web Marketing Festival 2019, nella Sala SEM del Palacongressi di Rimini, ho avuto il piacere di presentare un tema a me molto caro.

Nasco come interprete e traduttrice, motivo per cui dedico particolare attenzione a come un contenuto viene proposto all’estero.

Quando si vuole internazionalizzare un marchio un’azienda o un servizio, non basta tradurre i testi. Serve localizzarli in relazione alla cultura, al target, agli stili di vita. Serve conoscere bene il panorama in cui andremo a vendere il nostro prodotto o servizio.  Innanzitutto serve rispondere alle obbligatorie domandi da fare per ogni brief:

  • Quanto vale lo specifico locale mercato di riferimento?
  • Quali sono i tuoi competitor locali?
  • Qual’è il tuo target?
  • Qual è la tua Unique Selling Proposition, il motivo per cui dovrebbero preferirti ai tuoi controcorrenti?
  • Quali sono le tue Buyer Personas specifiche del paese destinazione?
  • Quale la loro Customer Journey?

Ci sono anche alcuni tools di Google che vi vengono in aiuto in tale analisi preliminare quali ed esempio:

  •  Market Finder o il Consumer Barometer, che sono molto utili per l’analisi del mercato e lo studio del comportamento di un potenziale utente
  • Google Trends, che ci viene in aiuto per valutare quanto un termine sia ricercato e in quali specifiche zone geografiche
  • Keyword Tool di Google ADS, essenziale per ampliare la forbice su parole chiave alle quali non si pensa nell’immediato.

La combinazione delle informazioni date da questi strumenti ci permette di avere una visione più chiara di come pianificare l’attività di geolocalizzazione, oltre che capire come investire in modo mirato il budget, e intercettare utenti realmente interessati a ciò che offriamo.

Se ad esempio sono il proprietario di un hotel di Jesolo e ho creato un’offerta per il weekend del 25 aprile, ha senso fare pubblicità ad Amburgo? Siamo davvero certi che un cliente da così lontano venga in Italia per soli 3 giorni?

analisi-mercato-estero

Fonte: Google Trend

4 dritte per sopravvivere nel vendere all’estero

Come avrai capito sono molti gli ostacoli da superare per esportare con successo un brand in un Paese straniero. Tieni a mente questi 4 punti imprescindibili, prestaci la massima attenzione e vedrai che il percorso sarà meno difficile!

1.   Utilizza le parole chiave giuste

Anche se nel vocabolario italiano due termini hanno lo stesso significato, non è detto siano utilizzati come sinonimi in tutto il mondo.

Un esempio? “Tights” e “Pantyhose” che in italiano tradurremmo con una singola parola, “calzamaglia”, ma che nel resto del mondo vengono usate in modo differente.

parole-chiave-estero

La scelta del termine giusto in base al nostro mercato target ci permette di posizionarci in modo pertinente sia nei risultati di ricerca che in quelli a pagamento, e di far sentire il nostro utente “a casa”.

3. Usa il tone of voice corretto

Non offendere un popolo, non dipingerlo in modo stereotipato, rivolgersi al proprio target portando rispetto: il modo in cui ci presentiamo al nostro utente è fondamentale!

Chi non ricorda il

caso Dolce e Gabbana in Cina [...] 

Leggi tutto

Campagne Instagram ADS nel Paese della Ferragni

23 Set

Kiev, Ukraine - May 30, 2014: Person holding a brand new Apple iPhone 5S with Instagram profile on the screen. Instagram is an online mobile social networking service, launched in October 2010.

L’Italia è tra i primi 10 paesi al mondo per acquisto di follower e falsi commenti

Uno studio ha rilevato che oltre la metà degli account di influencer su Instagram si esistono per attività fraudolente tra cui:

  • Acquisto di follower di massa
  • Like fasulli
  • Commenti falsi
  • Utilizzo di bot di coinvolgimento

La maggior parte degli influencer aumenta artificialmente le cosiddette vanity metrics che molte agenzie usano come parametro di misurazione, inclusi follower e coinvolgimento.

Ce lo dice una ricerca richiesta da A Good Company alla società di analisi HypeAuditor.

Instagram-Fraud-Market-Value-2019-e1567872653786

Il CEO e cofondatore di Good Company (e-commerce svedese) Anders Ankarlid ha dichiarato:

“I nostri numeri dimostrano che nel Regno Unito fino a 10 milioni di account sono falsi. Ciò ha implicazioni significative sul valore di mercato di fatto”.(…) “Le aziende stanno riversando denaro nel marketing degli influencer, pensando di connettersi con persone reali e non con robot russi. In realtà, stanno versando denaro nella fogna e regalando prodotti gratuiti a qualcuno che ha acquisito un seguito di massa durante la notte.” (Majority of UK Instagram influencers engage in fakery).

Il tema del click fraud è nato subito dopo la nascita dei sistemi di Advertsing a performance, ed è combattuto quotidianamente con l’evoluzione di algoritmi dei vari Google, Facebook, TripAdvisor.

Tra i canali più in crescita anche in Italia troviamo Instagram dove VIP, influencer e la qualunque, dallo sconosciuto studente disadattato alla Ferragni, monetizzano sul canale. Ma per la maggioranza dei marketer i principali parametri per misurare gli Influencer restano fan base ed engagement rate, i KPI purtroppo più oggetto di frode.

Col termine Engagement s’intende il numero di interazioni ottenute da un contenuto, una pagina, un’attività. Ogni piattaforma definisce le interazioni a modo suo: i like, i commenti, le condivisioni, i click sul contenuto, le visualizzazioni, ecc.

Esistono tool per verificare la qualità di tali dati e delle frodi, purtroppo non solo su Instagram. L’abuso passa anche per attività quale il

Programmatic Advertising [...] 

Leggi tutto

Le Google Ads Agency Sono Morte. Se Non Cambiano Completamente

1 Mar

Google-Killer-Robots-Artificial-Intelligence-Google-AI-Robots-artificial-intelligence-Stephen-Hawking-End-of-the-World-danger-ar-677183

L’automazione attraverso l’apprendimento automatico e l’Intelligenza Artificiale (AI) sta cambiando il ruolo e i servizi delle Digital Agency

In qualità di agenzia Google Premier Partner assistiamo in prima linea a questo cambiamento, lo vediamo da vicino tutti i giorni.

In questo articolo, delineo cinque conseguenze critiche per le agenzie Google ADS dovute dell’automazione, nonché per tutte le aziende che utilizzano Google Ads.

Le agenzie Google Ads che non si adatteranno a tale cambiamento potrebbero essere eliminate in pochi anni. [...] 

Leggi tutto

Corso Gratuito SEO, SEM, AdWords, Google Analytics by Studio Cappello

12 Dic

academy-per-call-center

I corsi fondamentali sul Digital Marketing di Studio Cappello: Gratis!

I Corsi Fundamentals

WMR Academy è l’accademia Digital Marketing di Studio Cappello. Tra le più riconosciute e apprezzate del mercato soprattutto per gli altissimi standard di contenuti erogati, nettamente superiori alla media. Già preferiti da molte aziende e professionisti quotati nel mondo digital. Moltissimi responsabili di agenzie digital hanno mosso i primi passi qui, così come molti responsabili web marketing aziendali, che sulle solide fondamenta dei nostri corsi hanno costruito i loro skill professionali.

Con la nostra Academy abbiamo sempre avuto le idee chiare: proporre solo corsi con contenuti di alta qualità e valore, e aggiornati sull’evoluzione del settore, sulle esigenze dei nostri corsisti e consapevoli sulle reali necessità di ciò che insegniamo, nel tuo lavoro di tutti i giorni.

Questi i nostri corsi Fundamentals per chi vuole iniziare dove gli stessi docenti dei corsi Professional ti spiegheranno i fondamenti delle varie discipline per potrai acquisire solide competenze di base nel digital marketing.

Corso SEO SEM, Goolge ADS & Analytics Gratuito!
Corso SEO Fundamentals

Corso Google ADS Fundamentals [...] 

Leggi tutto

NEW! Corso Google AdWords Avanzato Per Ecommerce

24 Ago

ecommerce-business-960x523

Sfrutta al meglio Google ADS per ecommerce!

Finalmente il corso AdWords avanzato dedicato a Ecommerce Manager, Store Manager, consulenti e specialisti AdWords che vogliono far decollare le performance di un sito di vendita online.

Con il nuovo Corso Goole ADS per Ecommerce di WMR Academy imparerai le migliori e più aggiornate tecniche di lavoro utilizzate per la gestione delle campagne AdWords multicanale di e-commerce di successo. Ad esempio Sediarreda, SpecialGomme o Nencini: campagne che sono diventate casi studio premiate da Google per performance ottenute sia sulla resa che per i risultati economici. Queste realtà sono passate da qualche centinaia di migliaia di euro a decine di milioni di fatturato annuo!

Col nuovo ed esclusivo corso Google ADS / AdWords per Ecommerce imparerai a:

Segmentare correttamente una campagna Google Ads per E-commerce
Le strategie per massimizzare come pochi sano fare la resa di Google Shopping
=&0=&
=&1=& Leggi tutto