Google Analytics 4

26 Nov

google analytics

GA 4: l’evoluzione di Universal Analytics

Più che un’evoluzione, oseremo definirla un “drastico” cambiamento, non solo dello storico pannello di amministrazione ma di tutto il sistema di tracciamento che apre le porte ad un nuovo e innovativo modello di raccolta ed elaborazione dei dati.

Sembra infatti che il nuovo modello sfrutti il machine learning per l’apprendimento automatico e fornisca informazioni utili per una comprensione completa degli utenti. 

Il nuovo metodo di analisi si sviluppa attorno al concetto di tracciamento dell’utente, invece che limitarsi ad una misurazione frammentata per dispositivo o piattaforma.

Google ci promette infatti che sarà possibile comprendere meglio il comportamento degli utenti durante il loro intero ciclo di vita, dall’acquisizione alla conversione e fidelizzazione.

Potremmo quindi definire il nuovo Google Analytics  “un sistema di analisi user centrico e predittivo”: viene abbandonato il concetto di sessione per dare spazio ad un nuovo sistema di tracciamento, basato sulle interazioni (eventi).

L’obiettivo di Google è quello di superare il limite del dispositivo o della piattaforma: GA4 è in grado di misurare sia gli eventi Web che App raccogliendoli in un’unica property. Proprio per questo motivo la versione beta di GA4 era stata nominata “Web+App”: un unico cruscotto in grado di darci informazioni congiunte che ci aiutino finalmente a comprendere l’impatto combinato di tutte le azioni di marketing.

Se da una parte questo importante aggiornamento ci permette di accedere a nuovi metodi e dati donandoci una nuova visione delle cose, dall’altra si traduce in un totale cambiamento del pannello e dei dati che eravamo abituati a vedere e comprendere.

GA4: Che cosa è cambiato?

Andiamo a vedere insieme quali sono i più importanti cambiamenti da Universal Analytics a Google Analytics 4.

  • L’interfaccia del pannello: anche se ancora comprensibile, è notevolmente diversa da quella storica di Universal Analytics. Man mano che saranno integrate nuove funzionalità il gap con l’interfaccia precedente diventerà sempre più evidente;
  • La struttura dei dati: la struttura del database sembra essere molto diversa da quella attuale. La nuova versione è stata predisposta per la raccolta di metriche collegate all’utente e alle sue interazioni con il sito/app. Non è ancora chiaro se sarà possibile migrare i dati storici da Universal Analytics;
  • Le metriche predittive: sono state integrate delle nuove metriche predittive che sembrano essere in grado di fare previsioni in merito a vari aspetti;
  • La struttura dell’account: non esiste più il concetto di vista ma solo quello di stream;
  • L’implementazione dell’Enhanced Ecommerce: un nuovo sistema di tracciamento degli eventi e-commerce. Rimane comunque possibile utilizzare dei modelli di conversione da UA a GA4: abbiamo già predisposto dei template Google Tag Manager in grado di effettuare una migrazione automatica partendo dai tracciamenti esistenti;
  • Il concetto di UA ID: dimentichiamo il concetto di Universal Analytics ID, arriva l’ID di misurazione: ID stream. Questo nuovo parametro identifica univocamente un flusso di dati proveniente da una specifica piattaforma e la sua nuova struttura è G-XXXXXXXXXX;
  • Integrazione migliorata con Google Ads e Youtube: un maggior supporto per gli strumenti Google Ads e Youtube;
  • La sezione obiettivi: non esistono più obiettivi ma conversioni che possono essere configurate solo tramite eventi;
  • La creazione di eventi dall’interfaccia: è possibile creare nuovi eventi direttamente dall’interfaccia di GA4;
  • Il Google Consent Mode come standard: la capacità di interagire con le preferenze di privacy scelte dagli utenti.

Posso tornare a Universal Analytics?

Hai provato a creare una nuova property e hai avuto un momento di panico perché l’unica opzione selezionabile è Google Analytics 4?

Niente paura! Oggi è ancora possibile creare una property Universal Analytics. L’opzione è ben nascosta, ma c’è! In fase di creazione di una nuova property devi infatti selezionare il pulsante “Mostra opzioni avanzate” e abilitare l’opzione “Crea una proprietà Universal Analytics”.

La best practice odierna per tutte le nuove configurazioni è quella di selezionare l’opzione Google Analytics 4  + Universal Analytics

È obbligatorio eseguire l’upgrade?

Quando accedi al tuo pannello di amministrazione, è attiva la possibilità di effettuare l’upgrade a GA 4.

Premendo quel pulsante, avverrà un reindirizzamento all’interno di una procedura guidata che ti permetterà di eseguire l’upgrade. Al termine della procedura: 

  • Verrà creata una nuova property Google Analytics 4
  • La property Universal Analytics esistente rimarrà invariata e continuerà a raccogliere dati

Ad oggi non è chiaro per quanto tempo sarà possibile accedere alla versione Universal Analytics ma Google stessa consiglia di mantenere entrambe le property nella sua guida ufficiale

Curiosità: perché si chiama Google Analytics 4?

Ti stai chiedendo come mai l’hanno chiamato “Google Analytics 4”, quando non avevi mai sentito parlare di “Google Analytics 3”?

Questo nome è stato scelto in quanto Google Analytics è giunto alla sua quarta versione, anche se il nome delle precedenti non è mai stato associato al corrispondente numero:

  • Versione 1: Urchin.js
  • Versione 2: Tracking Asincrono
  • Versione 3: Universal Analytics

In realtà la versione 4, inizialmente era stata nominata “App+Web” e solo al momento del suo rilascio ufficiale è diventata “Google Analytics 4”: un ulteriore tentativo per confonderci o un nuovo punto di inizio verso il data driven marketing?


Studio Cappello Web Analysis



email