Coronavirus: Come Si Modificano I Comportamenti Di Acquisto

20 Mar

Mentre il COVID-19 imperversa, i consumatori sono costretti a cambiare drasticamente i loro comportamenti di acquisto. 

I prodotti di largo consumo venduti online nella prima settimana di emergenza sono aumentati dell’81%, circa 30 punti percentuali in più rispetto alla settimana precedente, nonostante alcuni aumenti di prezzo fuori controllo sui principali e-commerce.

“C’è la coda anche per fare la spesa online” Wired

Al momento i tempi di attesa per riuscire a farsi consegnare la spesa a casa dalle principali catene di supermercati italiani arriva anche a 10-15 giorni in zone che sono generalmente meno servite. Ma ci si sta organizzando.

Nielsen ha identificato sei livelli soglia di comportamento dei consumatori che si collegano direttamente alle preoccupazioni relative all’epidemia di COVID-19. Le soglie offrono segnali precoci di modelli di spesa, in particolare per gli articoli di emergenza per le dispense e le forniture sanitarie. Stiamo assistendo a come questi modelli si rispecchiano su più mercati.

Anche i dati del Viewpoint Nextplora sull’emergenza coronavirus, evidenziano che gli acquisti online mantengono un saldo positivo tra chi li ha aumentati e chi li ha diminuiti, rendendo evidente che questa emergenza sanitaria sta facendo aumentare l’abitudine a comperare online.

Le vendite online stanno subendo un cambiamento estremo nelle tendenze di acquisto. La domanda di articoli per la casa e forniture mediali è in forte aumento. Il cambiamento è così drammatico che Amazon sta assumendo 100.000 nuovi lavoratori per soddisfare la domanda.

Ad esempio la domanda di carta igienica ha sminuito quella di tappetini yoga e Air Pod (tra i più ricercarti e acquistati online).

Shopping online in crescita a breve, ma poi?

Mentre lo shopping online potrebbe trarne beneficio a breve termine, i problemi della catena di approvvigionamento e l’incertezza della domanda dei consumatori potrebbero smorzare le prospettive del commercio elettronico.

Uno scenario rialzista sostiene che i consumatori sposteranno sempre più gli acquisti online evitando i luoghi pubblici, con Amazon, i servizi di consegna e le divisioni online dei principali rivenditori (ad esempio Walmart) come i maggiori beneficiari.  Tuttavia, i problemi della catena di approvvigionamento, la carenza di prodotti e la potenziale riduzione della domanda dei consumatori potrebbero anche ostacolare la crescita del commercio elettronico, se l’economia vacilla o va in recessione.

Mentre i rivenditori spesso vedono il mondo attraverso una lente biforcata (online vs offline), i consumatori sempre più diventano e preferiscono essere omnichannel: usano Internet per prendere decisioni di acquisto anche offline e usano strumenti on e off line integrate per la loro Customer Experience con le marche e le aziende.

In post pandemia potrebbe rimanere il vantaggio acquisito da quelle realtà che in tempo di Coronavirus hanno attratto nuovi clienti grazie al loro store online, soprattutto se il loro servizio è integrato in unico modello di vendita omnichannel.

Ad esempio, molti clienti Esselunga che ora comprano a distanza da questa GDO, potrebbero continuare a rimanere fedeli anche col negozio fisico dopo l’emergenza isolamento, abbandonando quello abituale.

E molti che hanno deciso di comprare online per la prima volta probabilmente continueranno

Cosa accadrà nei prossimi giorni

Nielsen nel suo reportKey Consumer Behavior Thresholds Identified as the Coronavirus Outbreak Evolves” fa delle ipotesi.

Alcuni mercati, come l’Italia e la Corea del Sud, hanno superato di gran lunga le soglie iniziali di “acquisti proattivi orientati alla salute”, “gestione reattiva della salute” e persino “preparazioni di dispensa”. 

Questa settimana, l’Italia è stata messa in un blocco a livello nazionale. Gli Stati Uniti e molti altri mercati dovrebbero prendere atto delle tendenze chiave che hanno definito i comportamenti di acquisto negli ultimi livelli di soglia mentre cercano una guida su ciò che è probabile che accada. Sulla base di risultati preliminari finora, ecco alcune previsioni.

Probabilmente accadranno anche altre cose e nuovi pensieri e idee prenderanno forma.

Nel nostro piccolo in Studio Cappello cerchiamo non solo di rimanere aggiornati sui fatti, grazie anche ad una relazione privilegiata con attori di settore quali istituzioni pubbliche e private, università, enti dediti al commercio, associazioni di categoria e imprenditoriali, manager, analisti; ma di affiancare i nostri clienti nel fare azienda con una visione del futuro come sempre basata su fatti concreti, tanta esperienza, riconosciuta abilità.


Studio Cappello Ecommerce Strategies


email