Ecommerce 2015 In Italia: Saperci Fare VS Illusione

5 Giu

ecomcas15

Colgo l’occasione dell’annuale ricerca di Casaleggio Associati sul’ecommerce in Italia per esprimere il mio modesto punto di vista.

Si conferma il trend di crescita nonostante la crisi. Ma se si paragonando i dati della crescita in Italia (8%) rispetto alla media mondo dei paesi benchmark (21%) il sorriso cala un po.

Sempre a inseguire, sempre a copiare, sempre caproni. E sempre senza capire…

MARKETPLACE

A cavalcare la nuova economia sono comunque gli stranieri e i marketplace. Dalle superstar Amazon/Ebay passando per tematici come Zalando: le aziende italiane rispondono fiaccamente e timidamente con miopia che rasenta la cecità autolesiva.

E non considerano spesso bene che il marketplace è un facilitatore per vendere all’estero.

Il marketplace è un fenomeno che sta spopolando al’estero ma oltre due/terzi degli esercenti italiani non lo ha ancora testato a dovere soprattutto per paura di mettere in concorrenza gli altri canali di vendita, ma ancor di piu per poco know how nel farlo.

ECOMMERCE NUOVO SU VECCHI MODELLI

Mentre i vecchi concetti di distribuzione passanti per centri commerciali, store di settore ed eshop standard, con cioè poca o totalmente assente Value Proposition (come purtroppo si continuano a produrre) stanno morendo, e nonostante i cali di fatturati costanti e pesanti per tutte le aziende che puntavano nella presenza fisica nel territorio, il non comprendere il nuovo modello dell’economia digitale significa per molti prepararsi a entrare nel cimitero dei “avrei potuto fare ma non avevo tempo e pensavo che la web agency sapesse fare lei”.

Gia, le web agency ecommerce sempre piu incantatrici di serpenti che impistano ecommerce con il miraggio che mettere online prodotti e prezzi sia il passo piu importante per i loro clienti che viaggiano ancora con Business Model morti e sepolti cosi come i conseguenti loro ecommerce nascenti.

Applicando Business Model obsoleti (applicando cioè le logiche con cui l’azienda tipica italiana affronta oggi il mercato) gli ecommerce possono solo rivitalizzare per pochi attimi con uno shock un morto confermando ben presto in realtà che la vita oltre la morte non è in questa terra.

log

Fare ecommerce oggi significa pensare alla nuova economia digitale dove i comportamenti d’acquisto sono drasticamente cambiati rispetto al passato (pdf Netcom).

Significa spostarsi pesantemente sul cliente e sul processo di fidelizzazione passante per servizi oltre il prodotto (contenuti mirati, logistica avanzata, customer care, fidelity model,… ), che in loro assenza costringono ad agire sull’ultima leva a disposizione dell’imprenditore tipico nostrano: il prezzo.

Un cliente che online non ha confini, e vive in zone dove magari si scopre che il problema prezzo non è sempre quello piu sentito e dove il percepito made in italy ha ancora una presa straordinaria…

Significa puntare su nuove leve che possono realmente stravolgere i Business Model soprattutto nel mondo della distribuzione e nel retail. E possono significare vita per chi oggi viaggia verso il baratro (la maggior parte delle reti di negozi che conoscete soprattutto in settori come moda e abbigliamento, anche chi proclama sorrisi, ripiana debiti ogni anno…).

LOGISTICA

La logistica avanzata permette di fare cose incredibilmente nuove dove oggi la logistica tradizionale porta colossi come Mediaworld a chiudere i battenti causa magazzini pieni e prodotti invenduti. Gia… si parla di magazzini/negozi sparsi nel territorio in un mondo dove oramai portarsi a casa il prodotto non è piu un problema ma anzi un’opportunità per le aziende che possono agevolare punti vendita non obbligandoli su investimenti minimi su stock stagionali (vedi il post Il Negozio del futuro? Eccolo!).

Non è piu il consumatore che deve andare a prendersi il prodotto, ma è il prodotto che deve raggiungere il consumatore ovunque esso si trovi.

CLIENTE TI CONOSCO

E siccome in rete ti posso monitorare (cookie in primis), capire, schedulare, inquadrare, posso anche aiutarti a scegliere prodotti in modo predittivo e mirato come nessuna tesserà fedeltà legata a strumenti di direct marketing ha mai fatto e mai riuscirà a fare.

E se ti faccio risparmiare tempo (non soldi) nella scelta dei prodotti, ti offro solo spot commerciali che hanno a che fare con il tuo life style (che vuol dire non ti rompo le palle inutilmente), ti aiuto a vivere meglio e in modo piu smart, ti risolve problemi anche quando non sei nel mio negozio obbligandoti magari a viaggi, costi e tempi inutili, ti aiuto nello snellirti negli acquisti ripetitivi, un valore te lo sto dando! Un valore importantissimo che va al di la del prezzo.

05-06-2015 11-44-10

Sul fronte pubblicità il search marketing la fa da padrona assorbendo tra SEO e paid search la maggior parte dei budget. Ma farsi trovare è altra cosa da farsi preferire e vendere!

E per tale ragione si investe di più per migliorare Usabilità e User Experience nel sito (mai soldi possono essere spesi meglio in mondo usercentrico) oltre che sulle versioni mobile degli stessi dato che oramai navigazione e internet sempre piu si fanno da tablet e smartphone (in UK oltre un 1/3 delle vendite viene fatto su mobile).

SOCIAL MEDIA PR

Pubbliche Relazioni (post e non ADV). Le aziende italiane ritengono molto importate investire sui social media soprattutto in Facebook anche se spesso i KPI di misurazione (like, fan, impression) sono specchietti per allodole; e anche se ancor di piu credendo di migliorare l’ingaggio e la comunicazione con i propri estimatori si ottiene l’effetto contrario rispetto a strumenti piu permanenti come la classica irrinunciabile sempre amata newsletter

Il nuovo algoritmo di Facebook ad esempio avrebbe dovuto illuminare ancor di più i molti ma i caproni, si sa, inseguono il gregge senza farsi domande…

Quando poi si cerca di misurare il ROI, soprattutto in comparazione ai budget stanziati su atri canali, beh, sono lacrime amare.

CONSIGLI FINALI

Quando mi chiedono consigli su come fare decollare un ecommerce (o ci chiedono come abbiamo fatto a raggiungere tali vette con alcuni clienti), rispondo di leggersi queste pagine e solo dopo averne colto il significato, parlarne insieme:

Qui il rapporto di Casaleggio.

email

Lascia Un Commento

No comments yet

Leave a Reply

*

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...