Ecommerce Trascina La Crescita Delle PMI. Studio Cappello Fa La Sua Parte.

4 Ott

00022583

“Il web rappresenta una leva insostituibile per la crescita. Proprio per questo sono convinto che si debba ripartire dal Made in Italy, punto di forza del nostro sistema economico, e abbracciare il digitale per far incontrare la domanda internazionale con le eccellenze del nostro Paese – dichiara Fabio Vaccarono, Country Director di Google Italy. – Nessun Paese come l’Italia può contare su un sistema manifatturiero e agroalimentare così amato e conosciuto in tutto il mondo. Ma se fino a oggi comprare italiano era un’opportunità per pochi, oggi Internet permette di raggiungere direttamente tutti i potenziali consumatori. Questa, a mio avviso, è la via che l’Italia deve percorrere e Internet è lo strumento naturale per far conoscere il meglio delle oltre 4 milioni di aziende italiane al mercato globale”.

La recente ricerca di Google in collaborazione con Doxa Digital parla chiaro: solo 3 aziende su 10 utilizza internet per migliorare il proprio andamento aggiungendo il commercio elettronico come ulteriore canale per le vendite.

Ma al contrario non sono fermi i consumatori italiani: l’ecommerce nel 2012 ha avuto un vero e proprio boom con un +30% di acquisti con oltre 12 milioni di web shopper solo in Italia.

L’ecommerce è anche una potente leva per raggiungere nuovi mercati e far decollare l’export con costi decisamente più contenuti rispetto le strategie offline, ma anche con maggiore dinamicità e semplicità.

Ma non sono solo parole. Qui si parla di fatti concreti, misurabili, visurabili.

Esempi di successo ce ne sono molti, alcuni di questi agenzie come Studio Cappello le stanno portando in giro per il territorio con iniziative come l’Ecommerce Day.

In distretti in enorme difficoltà come quello della sedia, ad esempio, ci sono fiori che nascono, si sviluppano e hanno “difficoltà” a gestire la crescita: è il caso di Sediarreda, che con noi ha cavalcato i tempi e i mercati fino ad essere citato come modello per lo sviluppo della PMI italiana.

“La crisi si può sconfiggere con l’innovazione, con un progetto imprenditoriale preciso e fondamentali solidi”. Lo afferma Patrik De Sabbata, presidente di Sediarreda.com, la società gestore del sito di e-commerce numero uno in Italia nel settore dell’arredamento.

E i numeri gli danno ragione, sottolineando volumi di crescita a doppia cifra percentuale. Nel 2012 Sediarreda.com ha sviluppato un volume d’affari di 3,5 milioni di euro, in aumento del 42,4% rispetto al 2011. Per il 2013, se il trend sarà confermato, si prevede un’ulteriore crescita del 30%.

“Abbiamo fondato il nostro successo sulle persone e sulle relazioni che con queste si possono instaurare – spiega la responsabile delle risorse umane e marketing Silvia Gigante – e questo sia nei confronti dei nostri collaboratori che verso i fornitori. Non è un caso che, per il Distretto della Sedia, Sediarreda.com sia oggi considerata una risorsa che contribuisce al fatturato di diverse aziende. La novità e l’affidabilità rappresentata dal progetto è tale che diversi marchi hanno affidato a Sediarreda.com la  commercializzazione on line dei propri prodotti”.

Dietro ad ogni caso di successo di vendita online quindi non c’è solo una piattaforma web o una campagna AdWords, ma l’universo di servizi di Ecommerce Strategico.

 

 

email