Net-Commerce: Come Ti Poni Sul Mercato?

20 Gen

Ecommerce_Mercato_Riferimento

Ho una fabbrica di abbigliamento che fattura moltissimo. Sono sbarcato online per spaccare anche sul web. E invece è stato un flop! Cosa è successo? Dove ho sbagliato?

La risposta mariterebbe un trattato, ma su questo post puntiamo su un assioma del fare impresa. Il tuo nogozio online ha quei valori standard che ci si aspettano nel settore in cui opera? Ah… non sai nemmeno quali sono? Bene. E quindi se ti chiedo se hai pensato come creare del tuo valore unico rispetto a quelli dei concorrenti della tua fascia di mercato sto parlando di cose sconosciute? Sì? Molto bene. C’è speranza!

Se La Tua Azienda Entra In Un Mercato Esistente E Affollato

Prendiamo in esame un’impresa di qualità dal brand noto ma non così diffuso che entra in un mercato dove:

  • Esistono i concorrenti e i leader del settore
  • I clienti conoscono i benefici del prodotto/servizio

Supponiamo che il tuo ecommerce venda calzature da te prodotte in Italia e che tu voglia entrare nel mercato online delle calzature di qualità Made In Italy.

Qual è la situazione di questo mercato?  Ah non la conosci… Ok, partiamo molto male. Per fortuna si può rimediare! Intanto vediamo insieme i macrodati: i clienti che acquistano online sono in crescita, esistono marketplace leader che sembrano cannibalizzare il settore (ad esempio Zalando, Yoox , Luisa Via Roma, Amazon, …) e probabilmente molti concorrenti diretti, cioè tutti gli altri calzaturifici made in Italy con il proprio ecommerce che si danno da fare.

Quali sono i “valori oltre lo standard dei competitor” del tuo negozio (non del tuo prodotto) e su cui devi puntare per creare valore superiore? Questi solo alcuni:

  • Politiche di spedizione: ad esempio spedizioni gratuite senza il raggiungimento di una soglia minima di spesa
  • Politiche di reso: ad esempio reso gratuito e possibilità di rendere il prodotto oltre i 14 giorni previsti dalla legge
  • Estensione di garanzia: erogazione di servizio di garanzia superiore ai 2 anni previsti dalla legge (come la “riparazione del tacco”)
  • Servizio clienti efficiente che dia consigli all’utente: come l’outfit ideale da abbinare alle scarpe
  • Esclusività solo per il tuo ecommerce
  • Foto e descrizioni molto curate che evidenzino i dettagli del prodotto e i benefici che offrono
  • UX Percorso di acquisto online veloce, facile, intuitivo e accessibile da ogni dispositivo
  • Gestione account evoluta (vedi Amazon)
  • Logistica avanzata
  • Customer care dedicato e attento a consigliare e guidare la scelta del prodotto all’utente
  • Commodities di ogni tipo
  • Sistema di relazione cliente avanzato (tipicamente per email o app)

Una vota definita la strategia ecommerce e il piano di web marketing ci si dovrà focalizzare principalmente sul valore della marca (e qui stiamo parlando di marketing tout court) perseguendo due obiettivi:

  • Fidelizzare i clienti attuali del brand, che acquistano il prodotto sia nei negozi fisici (store di proprietà, in franchising…) sia in altri negozi e marketplace online. A proposito, hai pensato a come raccogliere i loro dati (nome, cognome, email, ecc…) su un tuo CRM? Ah non sai cosa sia il CRM? Molto bene: c’è spazio per crescere!
  • “Rubare” quote di mercato alla concorrenza cercando di intercettare i clienti di brand attinenti. Sempre se sai come farlo…

Se La Tua Impresa NoBrand Ha un Prodotto Innovativo

Hai creato un prodotto innovativo a cui nessuno aveva mai pensato? Prima di rispondere sì, assicurati che questo sia vero facendo un po’ di ricerca.

Ti trovi in un mercato sconosciuto o quasi e scegliendo questa via per la tua impresa, la situazione in cui ti muoverai sarà pressappoco questa:

  • I concorrenti sono pochi o assenti
  • I leader di mercato devono ancora emergere
  • Il consumatore non conosce i benefici del prodotto/servizio

Sembra tutto facile dal punto di vista dei competitor, ma il tuo problema sta principalmente nell’ultimo punto: il tuo potenziale cliente non conosce il tuo prodotto e probabilmente neanche sa di averne bisogno.

Il business online dell’impresa deve quindi percorrere la strada di stimolare una nuova domanda enfatizzando i vantaggi del prodotto. Dovrai descrivere accuratamente le caratteristiche e i benefici della tua offerta e, nel caso esistessero alternative simili, focalizzarti su ciò che rende te diverso e migliore: sulla tua Value Proposition. E poi l’unico verbo in startup sarà: farsi conoscere!

E il tuo ecommerce come si pone nel mercato?
Affidati agli specialisti di Studio Cappello per farlo decollare!

email

Lascia Un Commento

No comments yet

Leave a Reply

*

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...

Ti piace il nostro magazine?

Confermacelo con i social!

E iscriviti alla newsletter per non perderti nulla!