Seth Godin: marketing del permesso e molto di più!

12 Set

18-09-2015 11-48-24

Seth Godin, con l’apparente semplicità del suo concetto “Marketing Permesso“, ha contribuito molto nella mia scelta di focalizzarmi sul Search Engine Marketing quale uno dei principali strumenti riconducibili a pratiche di marketing di “valore” dove la parola valore è riconducibile a concetti legati al benessere comune più che solo a quello particolare delle grandi aziende. Dalla presentazione dello Studio:
(…) La nostra mission è sempre stata quello di rendere produttiva la presenza in rete dei siti web dei nostri clienti, sfruttando al meglio le potenzialità del Search Marketing e sposando la filosofia del “Permission Marketing” (il marketing gradito agli utenti). (…)

Devo molto a questo personaggio perchè è stato tra i primi a farmi fare un’attenta riflessione su come oggi gli strumenti di marketing tradizionali siano usati male e senza rispetto per quello che invece il marketing dichiara (nei suoi assiomi) essere il suo centro di interesse: il cliente.

Di Godin seguo il blog, che penso dovrebbe essere di ispirazione e riflessione a molti marketer di oggi e ho letto alcuni suoi libri, che segnalo in Italiano e in inglese (qualcuno, se non ricordo male, è scaricabile gratis in pdf dal suo sito).

Recentemente, e questa è stata l’occasione che mi ha spinto a realizzare questo raro post “celebrativo”, ha rilasciato un’intervista a Valerio Melandri riguardo le potenzialità del web per raccogliere fondi per le ONP, in quanto impegnato personalmente con il progetto Squidoo.

email

Lascia Un Commento

4 Responses to “Seth Godin: marketing del permesso e molto di più!”

  1. Albert T 13 settembre 2006 at 16:28 #

    Ciao Andrea che cosa sono gli asintoti?

    Non avrai mica voluto dire "assiomi"?

    ….:) Andrea 

  2. Sergio Sarnari 15 settembre 2006 at 13:53 #

    Cito:
    http://www.demauroparavia.it/9111/
    a|sìn|to|to, a|sin|tò|to

    s.m.

    TS mat., retta a cui una curva si avvicina indefinitamente senza mai toccarla | tangente alla curva in un punto all’infinito

    Comunque comlimenti al proprietario del Blog (che seguo dalla sua fondazione).

  3. Matteo 30 novembre 2006 at 20:04 #

    Visto che bella intervista?..se ti interessa il mondo non profit e più precisamente il Fund Raising, di cui Valerio è uno dei maggiori esperti in Italia, ti invito a visitare http://www.fundraising.it! Ciao!

Trackbacks and Pingbacks

  1. Il Lifecycle Marketing: Cos’è E Perché È Importante? | Studio Cappello Magazine - 12 dicembre 2016

    […] Ne abbiamo già parlato in diversi articoli del nostro magazine, ma lo ripetiamo: l’utente deve sempre essere al centro della tua strategia. Nel suo percorso di acquisto (customer journey) una persona viene a contatto con la tua azienda attraverso diversi canali: i risultati di ricerca, le notizie, le recensioni, i negozi fisici, gli strumenti di marketing tradizionale (pubblicità, volantini, cartellonistica…). È fondamentale che tu sappia raggiungerlo con il giusto messaggio in ogni momento del suo percorso, dalla fase di scoperta a quella di fidelizzazione coinvolgendolo in modo continuativo e mai invadente o inopportuno (permission marketing). […]

Leave a Reply

*

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...